Attenzione
  • EU e-Privacy Directive

    Per offrire una migliore esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione l'utente dichiara di accettarli e di acconsentire al loro utilizzo.

    Ulteriori informazioni

mistica

 

La parola giapponese “zen” deriva dal vocabolo cinese “ch’an”, il quale a sua volta rimanda al termine sanscrito “dhuyana” che significa “meditazione, contemplazione”. Lo zen non indica una dimensione dello spirito definibile concettualmente, piuttosto attiene a un insieme di pratiche concrete elaborate nel corso dei secoli, soprattutto in Giappone, le quali mirano al superamento del pensiero discorsivo, per conseguire la cosiddetta illuminazione interiore. Possiamo dire che l’obiettivo del “vivere zen” consista, in fondo, nel concentrare il più possibile l’attenzione sulla realtà, piuttosto che sulle nostre reazioni intellettuali o sentimentali ad essa. Nel corso degli incontri si cercherà di entrare in contatto con questo modo di sentire e di essere così diverso dal nostro “stile di vita occidentale”: potrebbe sorprenderci e rappresentare un concreto aiuto per riconnetterci alla terra e all’umanità.